Casa Surace: un pomeriggio nella factory

14 gennaio 2020

di Flavor chris

In questa intervista ho avuto l’occasione di incontrare Alessio, uno dei fondatori di Casa Surace.

Casa Surace, per chi non lo sapesse, è una factory e casa di produzione che nasce nel 2015 da un’idea di un gruppo di amici. Dei ragazzi comuni, dunque, che oltre a condividere una casa, condivideva anche una grande passione.

Nel corso degli anni, la casa di produzione ha avuto modo di crescere. Oggi giorno sono numerosissime le persone che seguono sul web i ragazzi di Casa Surace.

Un pomeriggio con Alessio

Alessio ci ha raccontato quali sono i principi della factory. La casa di produzione ha l’intento di: valorizzare la cultura del Sud Italia e raccontare la vita degli studenti fuori sede. Il tutto viene elaborato magistralmente e riproposto sotto forma di sketch e video divertenti che hanno permesso di far crescere una grandissima comunità virtuale.

A mio riguardo, il senso di appartenenza all’interno del gruppo, è un elemento insolubile e resistente: esso permette ai membri di identificarsi nell’altro, di crescere. Il team ha la capacità di fornire nuove forme espressive utili per realizzare nuovi progetti.

Alessio, inoltre, ci ha raccontato come nasce il lavoro di Casa Surace e come si è sviluppato nel tempo.

Al centro della conversazione ci sono stati in nuovi linguaggi comunicativi della rete. Assieme all’ospite abbiamo cercato di cogliere quali sono gli aspetti più significativi del web.

Definitivamente un podcast insolito, intrigante ed avvincente (anche perché Alessio è una persona molto umile e disponibile); tuttavia non voglio aggiungere altro. Il podcast, senza dubbio, è molto più eloquente.

Per acquistare il libro di Casa Surace “Quest’anno non scendo” fai click qui

Se ti è piaciuto “Casa Surace: un pomeriggio nella factory”, puoi lasciare un commento e/o condividerlo?

Segui i ragazzi di Casa Surace anche su Facebook: https://www.facebook.com/casasurace/

Potrebbe interessarti anche: https://flavorchris.com/2019/09/25/interview-002-intervista-ai-ragazzi-dellaccademia-di-belle-arti-di-napoli/